Gabriele Ribis

Il Catapan di Rizzolo in Friuli (1307-1610)

Il Catapan di Rizzolo (Riçûl, da Rivuciolium, piccolo corso d’acqua) comprende un periodo che va dal 1307 al 1610, ma in realtà è testimone di una redazione più antica. Gabriele Ribis l’ha trascritto ricavandone notazioni importanti riguardo al testo, alla gente di Rizzolo e dintorni, al territorio, alla lingua, al significato più ampio dei legati e, dunque, alla personalità dei beneficiari. Fuoriescono indizi di straordinaria valenza non soltanto per quanto riguarda la chiesa dei Ss. Ilario e Taziano, cui il Catapan principalmente si riferisce, ma soprattutto per uno squarcio sulla vita friulana su quel territorio in quei trecento anni di documentazione. Il Catapan di Rizzolo offre anche altre curiosità d’indubbio interesse storico-sociale: la mobilità della gente in quei secoli, la trama della società di un piccolo paese fondata sulla centralità della famiglia numerosa e allargata, la partecipazione attiva di tutta la comunità a favore della sua chiesa ritenuta un bene suo, i periodi di floridezza e quelli di magra, le coltivazioni del tempo e le devozioni.

Gabriele Ribis, Il Catapan di Rizzolo in Friuli (1314-1323), Udine, Istituto Pio Paschini per la Storia della Chiesa in Friuli, 2001, pp. 157 (Fonti per la Storia della Chiesa in Friuli, 6).

Scheda libro

titolo: Il Catapan di Rizzolo in Friuli (1307-1610)
autore: Gabriele Ribis
editore: Istituto Pio Paschini per la Storia della Chiesa in Friuli
luogo di pubblicazione: Udine
anno di pubblicazione: 2001
formato: cm 24 x 17
pagine: 157
immagini: b/n
ISBN: 978-88-87948-10-0