Martina Cameli

Soci corrispondenti
Martina Cameli ha conseguito il dottorato di ricerca in Storia del Cristianesimo (Antichità, Medio Evo, Età Moderna) presso l’Università degli Studi di Padova, la specializzazione presso la Scuola per Conservatore di beni archivistici e librari della civiltà medievale dell’Università di Cassino e il diploma della Scuola di Paleografia, Diplomatica ed Archivistica presso l’Archivio di Stato di Modena. Dopo essersi occupata della storia monastica delle Marche meridionali, ha focalizzato il suo interesse sull’episcopato di Ascoli Piceno nei secoli XI-XIII, rivolgendo particolare attenzione alle scritture documentarie da esso prodotte. Ha poi curato l’edizione de Le carte di San Giorgio in Braida di Verona. III (1166-1175), e de Gli statuti della fraglia dei notai (Padova, Biblioteca Civica, BP, 339), entrambi di prossima pubblicazione per i tipi dell’Istituto Storico Italiano per il Medio Evo. Per l’Istituto Pio Paschini ha pubblicato le imbreviaturae di Meglioranza da Thiene.