Elisa Pellin

Soci corrispondenti
Elisa Pellin si è laureata in Lettere moderne (indirizzo storico medievale) presso l’Università degli studi di Udine con la tesi Il Necrologio del capitolo di San Pietro in Carnia, secoli XIV-XV (relatrice Flavia De Vitt). Genealogista, dal 2000 conduce ricerche genealogiche presso archivi storici pubblici e privati. Dal 2005 si dedica allo studio della storia della Chiesa in Friuli nel Medioevo, trascrivendo e pubblicando fonti medievali inedite. Dal 2008 collabora con diverse testate pordenonesi e dal 2012 è giornalista pubblicista iscritta all’Albo. Il suo campo di ricerca comprende la storia del Friuli, la storia della Chiesa, la paleografia e la genealogia.
Tra le sue pubblicazioni si ricordano: Ettore Busetto. Il suo tempo, Pordenone 2009; Ettore Busetto. L’opera poetica tra editi ed inediti, a cura di E. Pellin, Pordenone 2009; Appendice documentaria, in C. Vescul, La chiesa di San Giorgio in Vado a Rualis. Le pitture murali (secoli XIII-XV), Udine 2010, pp. 145-148; I necrologi del capitolo di San Pietro in Carnia (1287-1789), Roma, Istituto storico italiano per il Medio Evo, 2012 (Fonti per la storia della Chiesa in Friuli dell’Istituto Pio Paschini. Serie medievale, 12); I necrologi di San Pietro in Carnia (secoli XIV-XVIII), in San Pietro in Carnia. La Pieve di Zuglio. Storia, arte e restauri, a cura di B. Repezza – C. Vescul, (Relazioni della Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici del Friuli Venezia Giulia, 19) Udine 2014, pp. 17-22; Giuseppe Lozer una voce ancora attuale. Atti del convegno per la celebrazione del 40° anniversario della morte, Torre di Pordenone, 3 maggio 2014, coordinamento editoriale E. Pellin, (s.l.) 2015.