Gabriele Zanello (a cura di)

Il duomo di Mortegliano

Saggi di Giuseppe Bergamini, Marco Botto, Gabriella Bucco, Alessandro Pennazzato, Gabriele Zanello.

Il 27 novembre 1920, nel primo di tre giorni di festa, l’arcivescovo di Udine mons. Antonio Anastasio Rossi consacrava il duomo di Mortegliano, dedicandolo ai Santi Pietro e Paolo. Lo fece dove affondavano le radici del passato: nel luogo dell’antica chiesa matrice di San Paolo e all’interno della cortina difensiva, entrambe demolite nei primi anni Sessanta dell’Ottocento. Trascorsi cinquantasei anni dall’inizio dei lavori, complicati da difficoltà sfociate anche in aspre polemiche, l’apertura al culto pose termine da un lato alla costruzione del grandioso edificio, in posizione elevata, dall’altro diede il via (inconsapevolmente) a una fase destinata a durare altri decenni: il compimento artistico degli arredi. Un quotidiano, cent’anni addietro, annotò lo slancio popolare e mistico del tempio, elevato «con la tenacia ferrea, con i sacrifici ingenti di tre generazioni, monumento che si erge al cielo con i pinnacoli aerei, come una visione fantastica d’arte e di fede in mezzo alla pianura friulana».
A un secolo di distanza, a descrivere queste vicende umane e svelare segreti del vasto ottagono, i tesori in esso custoditi e altri particolari del suo campanile, viene pubblicato il volume Il duomo di Mortegliano. A cent’anni dalla dedicazione (1920-2020): un’opera ampia, che si avvale di vari contributi: di Giuseppe Bergamini, Marco Botto, Gabriella Bucco e Alessandro Pennazzato, oltre a quello di Zanello stesso, curatore della pubblicazione.
L’iniziativa editoriale, grazie a salde indagini bibliografiche e a spogli di documenti d’archivio non ancora noti, spiega e rievoca, tra gli altri argomenti, la vita e l’opera dell’architetto Andrea Scala; narra la lunga storia della costruzione e del completamento soffermandosi anche sul periodo della prima guerra mondiale; illustra le numerose opere d’arte custodite all’interno del tempio dando infine spazio pure alla vicenda dei campanili; è completata, infine da alcune riflessioni intorno al recente rilievo tecnico-architettonico dell’edificio e da numerose schede biografiche sui personaggi coinvolti nella progettazione e nella costruzione.
Il volume, di 280 pagine, è impreziosito da più di duecento immagini, fra fotografie e disegni, molte delle quali inedite. Pubblicato dalla pieve arcipretale di Mortegliano in collaborazione con l’Istituto Pio Paschini, è stato voluto per proseguire la promozione dei beni artistici del territorio gettando un ponte culturale fra generazioni.

Scheda libro

titolo: Il duomo di Mortegliano
sottotitolo: a cent'anni dalla dedicazione (1920-2020)
autore: a cura di Gabriele Zanello
editore: Istituto Pio Paschini per la Storia della Chiesa in Friuli; Parrocchia della SS. Trinità, Mortegliano
luogo di pubblicazione: Udine
anno di pubblicazione: 2020
formato: cm 28 x 22
pagine: 280
immagini: a colori
prezzo: € 19
ISBN: 978-88-87948-51-6
Istituto Pio Paschini
per la storia della Chiesa in Friuli

C.F. 94026180300 - P.I. 02027450309
Via Treppo, 5/B - 33100 Udine
info@istitutopiopaschini.org
Tel. e fax: 0432 414585
Orari:
lunedì e mercoledì 9.00-12.30
martedì 14.30-17.30