Egidio Screm

Soci ordinari
Carnico di Paularo dove è nato nel 1941, ha compiuto studi nell’ambito delle Scienze naturali e forestali a Padova, Firenze e Roma. Specializzatosi in Ecologia degli ecosistemi forestali si è impegnato nell’ambito della Conservazione delle risorse naturali e nel 1968 ha frequentato negli USA un Corso internazionale riservato a 35 iscritti sulla Conservazione degli ambienti naturali, organizzato dall’Università di Ann Arbor, Michigan, con il Ministero degli Interni Federale. Dopo un’esperienza presso la Direzione generale delle foreste a Roma, ha intrapreso la carriera universitaria nel 1970 superando il concorso per Assistente ordinario all’Università di Firenze. Nell’ottobre 1976 ha chiesto il passaggio nei ruoli degli Istituti d’istruzione secondaria per poter rientrare in Friuli dopo il terremoto. Ha insegnato Scienze naturali nei Licei scientifici di Tolmezzo e di Udine fino al collocamento a riposo nel 2003. Per una decina d’anni ha svolto il ruolo di vicepreside vicario del Liceo scientifico Nicolò Copernico con l’esonero dall’insegnamento. Membro di Comitati del Provveditorato agli Studi di Udine, ha organizzato corsi di aggiornamento del personale docente nell’ambito della educazione alla salute e dell’insegnamento della Biologia finalizzato alla formazione del cittadino. In Carnia ha operato in ambito culturale presiedendo il Coordinamento dei Circoli Culturali ed è stato tra i fondatori del periodico «Nort» e collaboratore dell’«Almanacco culturale della Carnia». Membro della Commissione cultura del Comune di Tolmezzo si è impegnato nella organizzazione di mostre in Palazzo Frisacco e, soprattutto, nella attivazione della Fototeca della Carnia. Ha partecipato come progettista responsabile per gli aspetti naturalistici allo studio e redazione di tre Piani di conservazione e sviluppo per altrettanti parchi regionali del Friuli-Venezia Giulia, coordinando uno staff di specialisti di settore (geologo, zoologo, ornitologo, botanico). Nominato membro della Consulta della cultura del Comune di Udine si è speso su più fronti, ma soprattutto per la soluzione dei problemi del Museo friulano di Storia Naturale.
Dal pensionamento (2003) ha iniziato a collaborare con il Dipartimento di Scienze storiche e documentarie (diretto dal prof. Scalon) per il Progetto Nuovo Liruti, completando le scelte dei personaggi da inserire nel Dizionario biografico in ambito scientifico e soprattutto delle Scienze naturali. Entrato a far parte della redazione, assume il coordinamento editoriale dell’opera fino alla sua conclusione (2011). Nel 2012 è nominato Segretario dell’Istituto Pio Paschini, incarico che lascia nel 2015 per seguire i progetti editoriali dell’Istituto stesso.
È Socio onorario dell’Accademia Italiana di Scienze forestali, Socio ordinario dell’Istituto Pio Paschini per la storia della Chiesa in Friuli, Deputato della Deputazione di Storia patria per il Friuli.
È autore di una trentina di pubblicazioni scientifiche e di qualche testo a carattere divulgativo.