30/11/2020

In corso di pubblicazione il volume di Sebastiano Blancato sul protocollo e i registri notaio Eusebio da Romagnano

Il volume raccoglie la produzione documentaria superstite, in tre registri, di Eusebio da Romagnano che nel 1318, negli anni della piena maturità, giunse nel Patriarcato e qui morì ad Aquileia, nel 1337. Già publicus notarius dal 1297 a Novara, al titolo di canonico del Battistero di Parma, aggiunse ben presto quello di pievano di Bela Cerkev, in Carniola, e in seguito anche la prebenda di canonico di Aquileia. Qui, negli anni di patriarcato di Pagano della Torre, la carriera di Eusebio ebbe modo di manifestarsi grazie al suo status clericale e alla formazione notarile e cancelleresca. Come dimostrano i suoi registri – uno dei quali il notaio stesso definì con precisione «protocollum sive breviarium instrumentorum et aliarum scripturarum publicarum» – Eusebio fu uomo di curia perfettamente consapevole della rilevanza del ruolo da lui rivestito pur nella diversità delle funzioni svolte di notaio giudiziario, nonché di scriba e notaio personale del patriarca Pagano (e dei suoi vicari).
Istituto Pio Paschini
per la storia della Chiesa in Friuli

C.F. 94026180300 - P.I. 02027450309
Via Treppo, 5/B - 33100 Udine
info@istitutopiopaschini.org
Tel. e fax: 0432 414585
Orari:
lunedì e mercoledì 9.00-12.30
martedì 14.30-17.30